×

Warning

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View Privacy Policy

View e-Privacy Directive Documents

View GDPR Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

2014

  • Ecotopia of art is an interactive kinetic sculpture that uses the most advanced technologies of the "augmented reality". In the sculptural work, there are two elements that come into mutual dialogue: A part abstract, geometric and another part irregular, natural and organic. On the one hand shape analysis is pushed toward rational construction, and secondly the evolution of form occurs through accident, the norm deviation, the whim. Rational and Irrational, which are in opposition, but perhaps always two models, two constructions of the mind. The work is with a feature not finished. As some architectures never ended - in fieri - which could take the greatness of a magnificent work but instead express the composed decay of the time. The reality which - without negative or positive shades - virtually offer endless possibilities to interact and develop. Malevich wanted to reach the zero to re-establish forms of art and art making, the "Architectona" which in part inspired me and inspired contemporary artists and architects such as Zaha Hadid, express the vision of a new world with which to re-start for a new life. Extraordinarily Malevic's sculptures-architectures have an internal structure of organization which recalls the structures of the natural growth, that science and modern mathematics called fractals. These together with the Chaos theory are a key to describe the natural world which escapes its definition at every attempt of reduction. Fractals are description in a key geometrical-mathematical of what is irregular fragmented, that escapes the regularity order.

    The disorder becomes order.

    It's clear that this is also a reductionist model, although it is very extensive, it is always a reduction. This is a crucial point that we must consider: Ecology is or is not a reductionist model of reality? I asked myself this question while preparing the thesis and the work I produced. The ecology discipline that looks like a "holistic" really says Nicola Russo in "ecology and philosophy" is also a scientific model, and like all models tends to "reduce" the real into something representable. So my intention was to focus the work on this issue and the urgency of a change in society and the human being in the context of environmental crisis and ideological. The ability to send messages through the work on Twitter, it makes also a work of "generative" art . A text and an image taken from the screen are sent, once pressed the blue button. The text covers topics on the environmental crisis, ecology and making art and being an artist. Text is assembled in a pseudo-random manner before being sent to the Twitter's server . In this way you create new connections and associations in the text as a surrealist process of literary creation. The user can move the movable parts of the sculpture, where some "markers" are placed that is, geometric patterns which are used in the "augmented reality" for their efficiency to be recognized. Moving these parts, creates changes in the screen placed in a closed box with a hole, from which the visitor can see what is happening. May appear depending on the marker identified by the software, a "mesh" 3d, text, or particle effects.

     

    "Ecotopia of art" is not a point of arrival but rather a work that opens up new possibilities for further developments in the field of interactivity, augmented reality, and the sculpture itself.

     

    "Ecotopia of art" was my final work for the thesis of the two-year specialization in sculpture at the Academy of Fine Arts in Bologna.

     

    Dimensions: 150x45x175 cm.

    Materials: Wood, acrylic paint, printed paper, polystyrene, acrylic, fiberglass, Vaseline streamlined.

    Hardware: ODROID U3, RaspberryPi, stereo speakers, wifi router.

    Software: OpenFrameworks, Supercollider, Ubuntu OS 13:10 (for ODROID U3), wheezy raspbian for RaspberryPi

    For more info visit this page: http://www.kalwaltart.it/home/en/blog/articles/item/8-ecotopiaofart

    More technical info about software hardware soooon!

     

    Ecotopia of art from Walter Perdan on Vimeo.

    video about "Ecotopia of art" interactive, kinetic, sculpture with augmented reality.
    go here for a description: http://www.kalwaltart.it/home/en/artworks/new-media/interattivita/ecotopiaofart

  •  Ecotopia of art (Ecotopia dell’arte) è una scultura interattiva cinetica che utilizza le più sofisticate tecnologie informatiche della “realtà aumentata”. Nell’opera scultorea sono presenti due elementi che entrano in reciproco dialogo: Una parte astratta, geometrica ed un'altra parte irregolare, naturale ed organica. Da una parte il prender forma è spinto verso l’analisi, la costruzione razionale, dall’altra l’evoluzione della forma avviene mediante il caso fortuito, la deviazione della norma, il capriccio. Razionale e Irrazionale che si contrappongono, ma forse sempre e comunque due modelli, due costruzioni della mente. L’opera risulta con una caratteristica nota non finita. Come certe architetture mai concluse – in fieri - che potrebbero assumere la grandezza di un opera magnifica ma che esprimono invece la composta decadenza del tempo. La realtà che - senza sfumature negative o positive - virtualmente offre possibilità infinite di interagire e svilupparsi. Malevic intendeva arrivare allo zero delle forme per rifondare l'arte e il fare artistico, gli “Architectona” cui in parte mi sono ispirato ed hanno ispirato artisti ed architetti contemporanei come Zaha Hadid, esprimono la visione di un mondo nuovo con cui ri-partire per una nuova vita. Straordinariamente le sculture-architetture Malevic hanno un struttura interna di organizzazione che ricorda le strutture naturali di crescita, che la scienza e la matematica moderna chiama frattali. Questi insieme alla teoria del Caos sono una chiave per descrivere il mondo naturale che sfugge per sua definizione ad ogni tentativo di riduzione. I frattali sono la descrizione in chiave geometrico-matematica dell'irregolare, di ciò che frammentato, che sfugge alla regolarità, all'ordine.

    Il disordine che diventa ordine.

     Sia chiaro che è anche questo un modello riduzionista che sebbene sia molto esteso, è sempre una riduzione. Questo è un punto cruciale che dobbiamo tenere in considerazione: L'ecologia è o non è un modello riduzionista del reale? Mi sono posto queste domande mentre preparavo la tesi e producevo l'opera. L'ecologia che si presenta come disciplina “olistica” in realtà come dice Nicola Russo in “ecologia e filosofia” è anch'essa un modello scientifico, e come tutti i modelli tende a “ridurre” il reale in qualcosa di rappresentabile. Quindi era mia intenzione incentrare l'opera su questa problematica e sull'urgenza di un cambiamento della società e dell'essere umano in un contesto di crisi ambientale e ideologica.

    La possibilità di mandare dei messaggi tramite l'opera su Twitter, ne fa anche un opera di arte “generativa”. Un testo ed un immagine presa dallo schermo vengono inviate una volta che si preme il pulsante blu. Il testo che riguarda tematiche sulla crisi ambientale, l'ecologia e il fare arte ed essere artisti viene assemblato in un modo pseudo-casuale prima di essere inviato al server di Twitter. In questo modo si creano delle connessioni e nuove associazioni nel testo come in un processo di creazione letteraria surrealista. Il fruitore può muovere le parti mobili della scultura, dove sono posti alcuni “markers”, cioè dei disegni geometrici che sono utilizzati nella “realtà aumentata” per la loro efficienza ad essere riconosciuti. Il muovere queste parti crea delle modifiche nello schermo posto in un box chiuso con un foro, da cui il visitatore può osservare cosa sta succedendo. Possono comparire a seconda del marker individuato dal software, una “mesh” 3d, del testo o degli effetti particellari.

    “Ecotopia of art” non è un punto d'arrivo ma bensì un opera che apre nuove possibilità di ulteriori sviluppi nell'ambito dell'interattività, la realtà aumentata, e la scultura stessa.



    “Ecotopia of art” è stato il mio lavoro finale per la tesi del biennio specialistico in scultura all'Accademia di Belle Arti di Bologna.

    Dimensioni: 150x45x175 cm.

    Materiali: Legno, pittura acrilica, carta stampata, polistirolo, resina acrilica, fibra di vetro, vaselina filante.

    Hardware: Odroid U3, RaspberryPi, stereo speakers, router wifi.

    Software: OpenFrameworks, Supercollider, Ubuntu O.S. 13.10 (per Odroid U3), wheezy raspbyan per RaspberryPi

    Per ulteriori info visitate questa pagina: http://www.kalwaltart.it/home/it/blog/articles/item/7-ecotopiaofart

     

    Ecotopia of art from Walter Perdan on Vimeo.

    video about "Ecotopia of art" interactive, kinetic, sculpture with augmented reality.
    go here for a description: http://www.kalwaltart.it/home/en/artworks/new-media/interactivity/ecotopiaofart

     

 

Social links