×

Attenzione

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View Privacy Policy

View e-Privacy Directive Documents

View GDPR Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

2007

  • Quest'opera performativa-installativa è frutto di un lungo percorso iniziato da quando ero poco più di un ragazzo. Un percorso che è scaturito da un intuizione che ho avuto leggendo lo spirituale nell'arte di Vasilj Kandinskij, affacciandomi così all'arte astratta.A quel tempo ero uno infaticabile e preparatissimo arrampicatore sportivo. Art is ascent è la conseguenza di precedenti opere installative che ho realizzato durante il corso di Pittura con il prof Mundula all'accademia di belle arti di Bologna nel 2007. Non è la prima e nemmeno l'ultima ma sicuramente è quella che ha segnato una maturazione nel mio percorso artistico. L'opera che ha invece stabilito una conclusione di questo percorso è stata Quadrato nero. In Art is ascent ho cercato di mettere in relazione due mondi apparentemente lontani: i riti d’ascensione e l’ascensione vissuto come momento sportivo,performativo.

    L'opera consiste di un azione performativa su di un scultura che si dispiega da una dimensione orizzontale ad una verticale, una struttura che ho dipinto di un colore neutro e sulla quale ho avvitato più di trecento appigli in resina poliestere, usati nella disciplina sportiva dell'arrampicata, colorati in modo diverso, e disposti in modo tale da suggerire un immagine di un paesaggio nella natura . Un immagine ormai disgregata disintegrata alla quale non è più possibile giungere. Mi arrampico su questa struttura indossando un elmo-maschera che mi rende cieco ma che dispone di una micro-telecamera alloggiata sulla parte superiore di essa, come un occhio che “vede” al posto dei miei occhi ( un terzo occhio delle culture orientali o l’occhio di un moderno Ciclope).La forma della maschera è stata stampata sull'abbigliamento che indosso per questa performance, insieme ad un testo che sintetizza la poetica dell'opera:

    sul davanti una maschera del colore blu ed la frase Art is ascent, sul dietro una maschera dal colore giallo e la frase Ascent is art , di Kandiskjana memoria il riferimento alle coppie di opposti (blu-giallo, freddo-caldo, spirito-materia).

    In questo modo, come ho già affermato, era mia intenzione creare un collegamento tra il mondo dello sport e i riti sciamanici. Il doppio , la scissione, la disintegrazione dell’immagine e della stessa idea di ascensione, il movimento schizofrenico come momento tipico della contemporaneità, la visione alterata della coscienza durante l’ascensione e l’oscillazione tra reale ed irreale e conseguente spaesamento sono dei punti salienti del mio lavoro.

    Risulta palese inoltre il riferimento all'arte astratta, qui a Kandinski, in l'artista e l'UtopiaYves Klein e Kazimir Malevic,ed in Quadrato Nero Kazimir Malevic.

    Oltre alle immagini potete visionare il video che avevo realizzato a completamento e documentazione della stessa nel quale potrete vedere i caratteri che ho delineato poc'anzi. 

    Bologna, 2007

    Materiali vari, legno colore acrilico, resina poliestere, micro telecamera, video, performance.

     

    Art is ascent, Ascent is art from Walter Perdan on Vimeo.

  • This performative-installational work is the result of a long process that began when I was little more than a boy. A path that originated from a intuition that I had reading the spiritual art ofVasilj Kandinskij,thus starting me to to the abstract art .A that time I was a tireless and well-trained sport climber. Art is ascent is the result of prior installation works that I made during the course of painting with Prof. Mundula at Academy of Fine Arts of Bologna in 2007. It is not the first nor the last, but it certainly is one that marked a maturation in my artistic career. The work that has instead established a conclusion of this process was Black Square. In Art is ascent I tried to put together two apparently distant worlds: the rites of ascension and the ascension lived as sporting moment, performative.

     

    The work consists of a performative action on a sculpture that unfolds from a horizontal to a vertical structure that I painted a neutral color and on which I screwed up more than three hundred footholds in polyester resin, used in the sport of 'climbing, colored in a different way, and arranged in such a way as to suggest an image of a landscape in nature. A picture by now disgregrated, disintegrated at which you can no longer reach. I would climb this structure wearing a helmet-mask that makes me blind, but that has a micro-camera housed on the top of it, like an eye "sees" instead of my eyes (third eye or the oriental cultures 'eye of a modern Cyclops.) The shape of the mask was printed on clothing I wear for this performance, along with a text summarizing the poetic work:

     

    on a mask in front of the blue color and the phrase Art is ascent, behind a mask on the color yellow and the phrase Ascent is art, Kandiskjana memory of the reference to the pairs of opposites (blue-yellow, cold-warm, spirit-matter) .

     

    In this way, as I have said, my intention was to create a link between the world of sport and shamanic rituals. Twice, splitting, disintegration of the image and of the idea of ascension, the movement schizophrenic as typical of the contemporary moment, the vision impaired consciousness during the ascent and the oscillation between real and unreal and consequent displacement of the points are highlights of my job.

     

    It is also obvious reference to abstract art, Kandinsky here, in the artist and the Utopia Yves Klein eKazimir Malevic,  and Black Square.

     

    In addition to images you can see the video that I made to completion and documentation of the same where you can see the characters that I have outlined above.

     

    Bologna, 2007

    Mixed media, wood,  acrilic colour, resin poliesther, micro telecamera, video, performance.

     

    Art is ascent, Ascent is art from Walter Perdan on Vimeo.

  •  

    In L'artista e l'Utopia ho voluto continuare il percorso stabilito con Art is ascent. Innanzitutto l'uso di diversi linguaggi: la performance, la pittura, la scultura, il video ed la fotografia. Ed ancora il tema dell'ascensione fisica come metafora e il suo rapporto con l'arte astratta. L'idea mi è venuta vedendo una vignetta di Yves Klein che ritraeva Malevic mentre dipingeva il suo celebre dipinto astratto Quadrato Nero, guardando ad un monocromo blu di Klein. In questa vignetta con molta “ironia” Klein cerca di dare più valore alle sue scoperte artistiche. Ho voluto giocare su questo elemento e ricreare una situazione in cui i due linguaggi dei due artisti convivono grazie alla mia performance in cui ricostruisco l'immagine di un dipinto di Malevic: triangolo blu in rettangolo nero. Ma con i colori invertiti: il triangolo diventa nero, grazie alla punta della maschera scultura che indosso ,e il rettangolo diventa blu (blu Klein!).

    Utopia perché in entrambi gli artisti Malevic e Klein è presente questo elemento, basti pensare alle discussioni filosofiche di Klein sul colore blu ed il concetto di età dell'aria, voglio ricordare poi le animate discussioni di Malevic sul Suprematismo e perché in genere senza l'Utopia penso che l'arte altrimenti non avrebbe nessun senso...

    Bologna, 2007

    Materiali vari, video, performance, resina poliestere, colori acrilici, pigmento blu su tela, appigli in resina sintetcia per l'arrampicata sportiva.

     

    L'Artista e L'Utopia from Walter Perdan on Vimeo.

  • In L'artista e l'Utopia (tr.enthe artist and the Utopia) and I wanted to continue the path set withArt is ascent. Firstly, the use of different languages: performance, painting, sculpture, video and photography. And again the theme of ascension as a physical metaphor and its relationship with abstract art. The idea came to me seeing a Yves Klein cartoon depictingMalevich while he painted his famous abstract painting Black Square, looking at a blue monochrome Klein. In this cartoon with a lot of "irony" Klein tries to give more value to its artistic discoveries. I wanted to play on this item and recreate a situation in which the two languages of the two artists live because of my performance in which reconstruct the image of a painting by Malevich: blue triangle in black rectangle. But it's reversed: the triangle turns black, thanks to the tip of the mask sculpture I wear, and the rectangle becomes blue (Klein blue!).

    Utopia because in both artists Malevich and Klein this element is present, just think of the philosophical discussions of Klein's blue color and the concept of the age of the air, then I want to remember the heated discussions on Malevich's Suprematism and because usually without the 'Utopia I think that art would not otherwise have no sense...

    Bologna, 2007

    Various materials, video, performance, polyester resin, acrylic paint, blue pigment on canvas, resin sintetcia footholds for climbing.

     

    L'Artista e L'Utopia from Walter Perdan on Vimeo.

  • Titolo: Le vergini

    Anno: 2007

    Dimensioni: 100 x 80 cm

    Tecnica: colore acrilico su tela

     

  • Title: Le vergini

    Year: 2007

    Dimensionis 100 x 80 cm

    Technique:  acrilyc colours on canvas

     

  • Vuoto iconoclasta: 2007, marmo di Carrara. Mostra “Arte senza frontiere, l'anima del mondo nella

    scultura” presso il L.I.A. Rovereto(TN). Dimensioni 30x35x35 cm circa.

     

  • Vuoto iconoclasta:(en. Iconoclast void) 2007, Carrara marble. Exibition at “Arte senza frontiere, l'anima del mondo nella

    scultura”,l L.I.A. Rovereto(TN). Dimensions: 30x35x35 cm about.

     

 

Social links